The Lost Gospel: nuove rivelazioni sulla vita di Gesù:

Molto probabilmente i 33 anni di vita di Gesù sono stati gli anni più straordinari che un essere umano  abbia potuto vivere. Già da bambino Gesù, senza capacitarsi come, riusciva a compiere incredibili  prodigi. Si era accorto di avere dei poteri particolari che però aveva difficoltà nel controllarli. E in quel periodo, attorno agli 8 anni,  si trovò ad affrontare a viso aperto la potenza demoniaca che voleva trascinarlo dalla sua parte. Ma invano. Poi, dopo l'età adolescenziale, la vita di Nostro Signore si ammanta di mistero e dopo duemila anni si continuano ancora  a fare ipotesi su quello che ha fatto. Ecco allora che questo vuoto, secondo studi approfonditi compiuti  da storici, studiosi, religiosi, giornalisti, scrittori viene colmato con una montagna d'informazioni che ci presentano un Cristo Gesù completamente diverso da quello che abbiamo imparato a conoscere sui banchi di scuola. Siccome non ci sono prove che dimostrino il contrario, ecco allora che prima dei trent'anni, e cioè fino al suo battesimo nel Giordano per opera di Giovanni Battista, la sua vita diviene movimentata e assieme ad un suo zio, Giuseppe d'Arimatea, lo stesso che si adoperò per custodire il suo corpo nella tomba dopo la crocifissione. Giuseppe d'Arimatea era un ricco commerciante che viaggiava regolarmente per lavoro tra il Mediterraneo orientale e le miniere di stagno della Cornovaglia. In una delle sue visite in Gran Bretagna, si portò dietro il nipote, per fargli proseguire la sua educazione. Essi sbarcarono sulla penisola Roseland in Cornovaglia e poi viaggiarono in tutto il nord della Cornovaglia e Devon sulla costa di Somerset. Li, il giovane Messia conobbe la sapienza dei Druidi, una casta sacerdotale rinomata per il loro apprendimento, che erano anche medici, si occupavano di divinazione, amministravano i sacrifici, preparavano erbe e infusi per gli infermi e tramandavano il loro sapere oralmente senza lasciare nulla di scritto. LEGGI QUI IL POST COMPLETO.

Adesso, una pergamena in siriaco (probabilmente un testo religioso apocrifo, cioè esclusi dal canone della Bibbia ebraica e cristiana) che comprata nel 1847 dal British Museum in un monastero egiziano, forse versione di un testo ancora più antico in aramaico, rimette in discussione la vita di Gesù. Lo sostiene The Lost Gospel,  il libro scritto da Simcha Jacobovici e Barrie A. Wilson presentato in unaconferenza stampa presso la British Library.

Quello che temeva il Vaticano - e Dan Brown solo sospettato - si è avverato.

Gli autori sostengono che l'antico manoscritto siriaco intitolato Giuseppe e Aseneth, (il Giuseppe figlio di Giacobbe che in Egitto sposò Aseneth, figlia di Putifare, sacerdote di Eliopoli: Genesi), è un vangelo perduto che colma le lacune nel racconto sulla vita di Gesù, che mostra lui come un essere umano che corteggiata e poi sposato sua moglie Maria Maddalena, ebbe dei figli, e sopravvisse anche ad un attentato alla sua vita.

Anche se lo script non fa menzione di Gesù e di Maria, essi sostengono che Giuseppe (aveva 30 anni quando si presentò al Faraone), figlio di Giacobbe è sinonimo di Gesù e Aseneth di Maria Maddalena. Anche il nome dei loro figli: Efraim e Manasse, sono gli stessi dei figli di Giuseppe, figlio di Giacobbe.

A causa di possibili repressioni da parte della Chiesa,  gli autori di The Lost Gospel,  sostengono che gli scrittori della pergamena scrissero in codice cambiando i nome e  tenendo le identità nascoste. Così il "Giuseppe" del libro è in realtà Gesù, e "Aseneth" è Maria Maddalena. Il libro fornisce loro argomenti sulla logica del loro metodo di decifrazione.

"Il manoscritto aiuta a riempire il gap di 30 anni nel curriculum di Gesù", ha detto il professor Barrie, vale a dire dalla sua circoncisione all'età di otto anni, fino ai suoi 30  anni". "Questo dimostra quello che è successo a lui e l'importanza della famiglia, l'amore, il sesso e l'ambizione politica." E ripristina anche il ruolo di Maria Maddalena - che è stato aerografato fuori dalla storia, gli scrittori sostengono - come la moglie di Gesù e "cooperazione divinità.".

Per Simcha Jacobovici e Barrie A. Wilso il libro getta una nuova luce sulle politiche che hanno portato alla crocifissione di Gesù e riempie "lacune significative" sulla vita di Gesù presentandolo come un "umano" che ha dato  importanza alla famiglia, al matrimonio, all'amore e al sesso. Per
Simcha Jacobovici, Maria Maddalena, lungi dall'essere una prostituta, era una donna "di statura" che è stato venerata come una dea. "E va ben al di là del matrimonio", ha detto, descrivendola come co-messia, co-divinità,  difensore dell'umanità.

Immagine: img.timeinc.net/