Ritrovata la tomba di Cleopatra ?

Il capo del Consiglio Superiore delle Antichità Egizie, Zahi Hawass, un archeologo di grande esperienza che sfoggia un cappello alla Indiana Jones, colui che ha riportato alla luce la tomba della leggendaria regina d'Egitto Hatshepsut, afferma ora di aver individuato il sito dove è sepolta la regina Cleopatra. Ora, con un team di 12 archeologi e 70 escavatori, Zahi Hawass si è messo alla ricerca dell'ingresso alla sua tomba. Ritenendo che la regina, prima moglie di Cesare, poi amante di Marco Antonio da cui ha avuto pure un figlio, abbia condiviso col generale romano il luogo di sepoltura a Taposiris Magna, 28 miglia a ovest di Alessandria, l'archeologo egiziano ha scoperto un tunnel sotto il tempio, lungo circa 120 metri, che contiene un'infinità d'indizi che induce a pensare che la bella regina sia seppellita lì sotto.

"Nel tunnel sono state ritrovate statue di Cleopatra e molte monete recanti il suo volto" ha detto il celebre archeologo, molto conosciuto in Gran Bretagna per il ritorno della Rosetta Stone (Stele di Rosetta) dal British Museum e per aver promosso la mostra dedicata a Tutankhamon, e che, se le sue supposizioni si riveleranno fondate, "rischia" ora di passare alla storia per la più grande scoperta in Egitto fatta da un egiziano, anche perchè la tomba di Tutankhamon, scoperta nel 1922, è per opera di Howard Carter, un archeologo britannico.

from Wikipedia: La politica di Cleopatra ed Antonio favorì la reazione di Ottaviano, che accusò la regina di minare il predominio di Roma e convinse i Romani a dichiarare guerra all'Egitto. Il 2 settembre 31 a.C. le forze navali romane si scontrarono con quelle di Antonio e Cleopatra nella battaglia di Azio. Visto che la battaglia era persa la regina riparò ad Alessandria con parte della flotta, seguita da Antonio.Nell'agosto del 30 a.C. Ottaviano invase l'Egitto ed entrò nella capitale. Non avendo vie di scampo, Antonio si suicidò. Pochi giorni più tardi, Cleopatra ne seguì l'esempio.

Fonte: www.timesonline.co.uk/
Immagine: www.summagallicana.it