Il codice Maya non è un falso



Il post di oggi riguarda la civiltà Maya, la quale prosperò nella zona dello Yucatan, nell'odierno Messico tra il 1500 a.C al quasi mille, .

Per il National Institute of Anthropology and History (INAH), l'ente che conserva e diffonde il patrimonio archeologico, antropologico, storico e paleontologico della nazione messicana, i test chimici dimostrano che il codice Maya, sul quale ci sono stati dubbi sulla sua autenticità da oltre 50 anni., non è un falso.


Il Codice Maya del Messico è stato ratificato come il più antico manoscritto pre-ispanico leggibile sul continente americano dopo che un'indagine approfondita ha confermato l'autenticità del documento. Lo ha stabilito un team di esperti composto da storici, archeologi, antropologi e scienziati i quali hanno giudicato il codice autentico e hanno affermato che il testo in stile calendario è il più antico manoscritto preispanico e si ritiene che il documento, noto anche come codice di Grolier, risalga al 1021 d.C..

Il codice era stato precedentemente ritenuto falso perché lo stile "non era maya" ed era "più brutto" per quanto riguardava linee e colori. "Se si vive nella scarsità si usa quello che avete a portata di mano", ha detto l'antropologa fisica Josefina  Bautista, che ha preso parte alle indagini, aggiungendo che le figure umane nel manoscritto appartengono allo stile Maya-Tolteca del primo periodo post-classico, non al Naturalismo Maya del Classico tardo del Codice di Dresda al quale era stato precedentemente confrontato.

Il codice di Grolier consiste di undici fogli di corteccia di fico, stuccati e dipinti su un lato, che sono presumibilmente tratti da un libro Maya di ventuno pagine (Coe 1973). La parte inferiore di tutte le pagine è gravemente danneggiata dall'acqua. Otto fogli bianchi di carta di corteccia di fico, tutti non intonacati, sono associati al codice. Uno di questi fogli era datato al carbonio AD 1230 ± 130 (Coe 1973).

Il frammento di codice fu acquistato da Josue Saenz, un collezionista privato che su come ne sia entrato in possesso, forse  ai piedi della Sierra de Chiapas... be', non è facile immaginare.

A suo dire sembra che nel 1964 ricevette una telefonato da un individuo che diceva di aver ereditato da suo nonno un libro con disegni antichi, e pensando che potesse essere interessato fu interpellato. Saenz si fece avanti e lo acquistò, scrisse in una lettera al direttore della MNA , Ignacio Bernal, il 1 aprile 1974.

Quando, infine, il codice Maya fu mostrato all'archeologo, antropologo e scrittore statunitense Michael Coe al Grolier Club di New York City (1971), Saenz decise di donarlo al governo messicano.

Ed oggi veniamo a sapere che quell'antico manoscritto precolombiano è vero e non fasullo.

Immagini:  www.orsomarsoblues.it -  www.telesurtv.net -