In aumento nel mondo le dead zone marine


L’acqua è sempre stata una risorsa preziosa ed indispensabile per la vita dell’uomo e di ogni essere vivente. Solo dove c’è acqua c’è vita nell’universo conosciuto.

L'acqua è incolore e insapore ed è costituita da un atomo di ossigeno e due di idrogeno: formula chimica H2O

Senza acqua non si può vivere e l'uomo deve far di tutto per non inquinarla. Ma a quanto pare non va proprio così... 

Una regione significativa deprivata di ossigeno è fiorita nel Golfo di Oman da decenni, ma è stata rilevata l'ultima volta negli anni '90. I robot hanno trovato nel Golfo la più grande "zona morta" sottomarina del mondo, un altro segno del fatto che tali regioni con esaurimento dell'ossigeno sono in aumento in tutto il mondo.

Il Golfo di Oman si estende per 70.000 miglia quadrate (181.000 chilometri quadrati) e collega il Mar Arabico al Golfo Persico. Per lungo tempo è stato "trascurato" dai ricercatori a causa dell'instabilità politica della regione e della minaccia della pirateria oceanica.

Ma solo ora, grazie alla conferma avuta dai Seagliders, veicoli subacquei piccoli e leggeri a movimento lento autonomi (AUVs)  che utilizzano pochissima energia e sono in grado di percorrere migliaia di chilometri e raggiungere profondità di circa 3.300 piedi (1.000 metri), che per otto mesi hanno raccolto dati in aree precedentemente inaccessibili, è stato possibile esplorare e scoprire circa 63.000 miglia quadrate con poco o del tutto prive di ossigeno nelle acque che collegano il Golfo Persico al Mar Arabico.

Le zone morte sono regioni oceaniche affamate di ossigeno dove pochi organismi possono sopravvivere. Emergono nelle profondità che vanno da 650 a 2.600 piedi (da 200 a 800 metri), quando afflussi di sostanze nutritive chimiche ( in genere dovute da  inquinamento antropico)  stimolano la crescita di alghe, che risucchiano l'ossigeno. 

"La nostra ricerca mostra che la situazione è in realtà peggiore di quanto si pensasse - e che l'area della zona morta è vasta e in crescita", asserisce l'autore principale dello studio Dr Bastien Quest, un bio-geochimico marino e ricercatore presso la School of Environmental Sciences at the University of East Anglia in Inghilterra. "L'oceano è soffocante, naturalmente tutti i pesci, le piante marine e altri animali hanno bisogno di ossigeno, quindi non possono sopravvivere lì". 

Tali zone morte possono formarsi naturalmente, ma stanno diventando più grandi e più comuni, soprattutto a causa di acque reflue e fertilizzanti chimici.

Immagini:   www.livescience.com -  www.independent.co.uk