Il mistero della lettera di Cristoforo Colombo


Il mistero della lettera di Cristoforo Colombo tra il Vaticano ed una collezione privata.


Nel 1493 Cristoforo Colombo, in una missiva mandata al Vaticano, descrive ciò che ha visto coi propri occhi nel Nuovo Mondo.

Dopo più di un decennio in una raccolta privata ad Atlanta, una copia rubata di una lettera che Christopher Columbus scrisse al Vaticano sulla terra che aveva appena scoperto.

Dopo il ritorno in Europa dal suo primo viaggio nelle Americhe, Colombo scrisse una lettera ai suoi patroni spagnoli nel 1493 descrivendo quello che aveva visto. La lettera fu convertita in un opuscolo da stampare per diffondere in tutta Europa le notizie dell'eccezionale viaggio che aveva compiuto.

Robert Parsons, un attuario di Atlanta ( colui che valuta un patrimonio a una data scadenza futura...)  acquistò una di quelle copie da un rivenditore di libri rari di New York nel 2004 per 875,000 dollari, ha riportato il Wall Street Journal.  Ciò che non si capisce è che il documento era stato rubato dal Vaticano.

Ci sono oggi circa 80 copie della lettera rimasta, e quella acquisita da Parsons era tra le più datate, risalente al 1493. Così dicono i ricercatori di documenti giudiziari.
La lettera descrive le terre con   "Grandi fiumi che scorrono" "alberi di infinite varietà e nativi timidi, ma molto generosi", "sono così insospettabili e così generosi di ciò che possiedono, che se non li avessi visti non ci avrei mai creduto", cita una traduzione della lettera proveniente da Independence Hall Association, che gestisce UShistory.org, un sito con oltre 3 milioni di pagine viste ogni mese.

La lettera faceva parte di una raccolta di libri e manoscritti rari appartenenti a Gian Francesco De Rossi, che abitava a Roma nel XIX secolo. Dopo la sua morte nel 1854, la moglie di De Rossi donò la collezione ai gesuiti, secondo il catalogo di Bookman's Journal e Print Collector del 1922. I gesuiti, a loro volta, diedero la collezione a Papa Benedetto XV nel 1921.

Gli investigatori del dipartimento di giustizia statunitense in depositi giudiziari non sanno quando la lettera è stata rubata dalla Biblioteca Vaticana.

Gli agenti hanno rintracciato la lettera alla collezione di Parsons quest'anno. Ma Parsons é morto nel 2014, e ha acquistato la lettera in buona fede, senza sapere che era stato rubato. Così ha scritto un procuratore federale nel deposito giudiziario

Richard Lan, che possiede Martayan Lan, il rivenditore di libri rari da cui Parsons acquistò la lettera, ha dichiarato di non essere a conoscenza del furto e ha rifiutato di commentare su come lo ha ottenuto.  "Non ho avuto alcuna precedente conoscenza di questo," ha detto in un messaggio di posta elettronica al giornale

I ricercatori hanno contattato la vedova di Parsons, Mary Parsons, in marzo, secondo i documenti del tribunale, e ha accettato di lasciare che un esperto confrontasse la lettera alla copia in Vaticano. Il perito ha scoperto che la copia in Vaticano era falsa e che la lettera di Parsons apparteneva al Vaticano.

Mary Parsons ha trovato difficoltà nello spiegare cosa fosse accaduto alla collezione di suo marito ma intende inviare una lettera personale al papa insieme alla lettera di Colombo, ha detto il suo avvocato Mark Marani.

Buona domenica a tutti!

Immagini. www.biography.comwww.ibtimes.co.uk