Alieni: l'eterno dubbio

Nel 1950, durante la pausa pranzo in una dotta conversazione inerente la fase decennale di esplorazione astronomica, il fisico Enrico Fermi presentò ai suoi colleghi intorno al tavolo un paio di conflitti, riassunti come:

1) la galassia è molto vecchia e molto grande, con centinaia di miliardi di stelle e probabilmente anche più pianeti abitabili.

2) Ciò significa che ci dovrebbe essere più che abbastanza tempo per le civiltà avanzate di svilupparsi e prosperare per tutta la galassia.

Questo argomento semplice, ma potente, è divenuto noto come il paradosso di Fermi, l'apparente contraddizione (la cui formulazione non ufficiale è comunemente attribuita al fisico italiano Premio Nobel) tra l'alta probabilità che la nostra non sia la sola civiltà evoluta nell'Universo e la mancanza di contatti stabiliti con eventuali altre forme di vita. In sintesi: a fronte dell'enorme numero di stelle visibili nell'universo osservabile sembra naturale pensare che la vita possa essersi sviluppata in un grande numero di pianeti e che moltissime civiltà extraterrestri evolute si siano potute produrre durante la vita dell'universo.

«Se l'Universo e in primis la nostra galassia pullula di civiltà sviluppate, dove sono tutti quanti? »
ossia: «Se ci sono così tante civiltà evolute, perché non abbiamo ancora ricevuto prove di vita extraterrestre come le trasmissioni di segnali radio, sonde o navi spaziali?»

Quindi, gli alieni dovrebbero esserci, ma ancora non vi è alcuna prova convincente che esistono.

Per l'interessante articolo pubblicato su www.livescience.com ci sono 12 possibili motivi per cui questo è così. 

Dove sono?

1. Non ci sono alieni da trovare. Per quanto improbabile, come sembra in una galassia con centinaia di miliardi di stelle e ben 40 miliardi di pianeti terrestri in zone abitabili, possiamo essere soli.

2. Non esiste una vita intelligente oltre a noi. (Questo presuppone, naturalmente, che gli esseri umani contano come intelligenti.) La vita può esistere, ma potrebbe semplicemente assumere la forma di minuscoli microbi o di altri animali cosmicamente "tranquilli".

3. Le specie intelligenti non hanno la tecnologia avanzata. Attualmente, gli astronomi utilizzano telescopi radio per ascoltare attentamente il cielo notturno. Quindi se le specie aliene non trasmettono segnali, non sapremmo mai se esistono.

4. La vita intelligente si auto-distrugge sia attraverso armi di distruzione di massa, o di inquinamento planetario, o di malattie virulente fabbricate in laboratorio. Può essere la natura della specie intelligente di spingersi al suicidio.

5. L'universo è un luogo mortale. Sui tempi temporali cosmici - pensare miliardi di anni - la vita può essere fugace.  Tutto quello che serve è un asteroide, una supernova, un raggio di raggi gamma o un brillamento solare (solar flare) per rendere inanimata una pianeta che conserva la vita.

6. Lo spazio è grande. La sola via lattea è di 100.000 anni luce, quindi è possibile immaginare che i segnali mirati di alieni intelligenti, limitati alla velocità della luce, non ci hanno ancora raggiunto.

7. Non abbiamo guardato abbastanza a lungo. Ottant' anni. Questa è la quantità di tempo che i telescopi radio ci consentono di rilevare segnali alieni. E abbiamo cercato attivamente gli alieni per quasi sessant'anni. Non è affatto un tempo lungo.

8. Non stiamo guardando nel posto giusto. Come detto in precedenza, lo spazio è grande, quindi ci sono una miriade di regioni per ascoltare segnali alieni. Se non stiamo ascoltando precisamente nella direzione da cui un segnale è originario, non lo sentiremmo mai. Come ha spiegato Andrew Fain a Universe Today,  è come cercare di parlare con un tuo amico su una radio CB di 250.000.000.000 canali, senza alcuna conoscenza della frequenza su cui stanno trasmettendo. Probabilmente sarà il lancio di un canale per lungo tempo.

9. La tecnologia aliena può essere troppo avanzata. La tecnologia radio può essere comune in questo mondo, ma su  mondi lontani, la società aliena potrebbe vantare tecnologie di comunicazione più avanzate delle nostre, come i segnali di neutrini.

10. Nessuno sta trasmettendo. Invece, chiunque può essere in ascolto. Questo è fondamentalmente come è qui sulla Terra. A parte alcuni sforzi di diffusione di segnali forti su una banda di frequenza stretta verso le stelle, abbiamo appena reso la nostra presenza nota nell'universo. Infatti, se gli alieni dispongono di telescopi radiofonici simili a quelli presenti sulla Terra, le nostre trasmissioni televisive e radio potrebbero essere rilevabili solo a distanza di 0,3 anni luce. Questa distanza non trascende nemmeno le estensioni più lontane del nostro sistema solare.

11. La Terra non viene deliberatamente contattata. Sulla Terra abbiamo politiche di contatto con i popoli indigeni; è possibile che la stessa cosa possa accadere con noi. Proprio come in Star Trek, le società avanzate di alieni possono applicare regole che limitano il contatto solo a specie che raggiungono un elevato grado di evoluzione tecnologica o culturale.

12. Gli alieni sono già tra noi e non lo capiamo. I teorici della cospirazione amano questa spiegazione improbabile. Mentre le possibilità sono remote, non è impossibile che le agenzie governative stiano occultando la presenza degli alieni. Anche se è più probabile che gli alieni siano già in mezzo a noi, osservandoci con l'abilità intelligente e ironica dei topi da laboratorio.

Immagine: www.livescience.com

Nell'immagine sopra L'istituto SETI ha utilizzato il suo Alien Telescope Array in California per confermare un segnale radio intrigante proveniente dalla stella HD 164595, che si trova circa 94 anni luce dalla Terra.