Prove di un enorme deposito di acqua nelle profondità della Terra

Un oceano di acqua si trova 620 miglia sotto la superficie della Terra, e se si asciuga, la vita sul nostro pianeta potrebbe finire.

Due studi hanno trovato prove di oceani di acqua nel mantello inferiore terrestre. Non è chiaro quanta acqua viene immagazzinata, ma studi precedenti suggeriscono che potrebbe essere lo stesso importo di tutti gli oceani messi insieme.

Senza l'acqua, la vita sulla Terra cesserebbe di esistere. L'acqua copre circa il 70 per cento della superficie terrestre, ma una quantità enorme si trova anche all'interno del nostro pianeta.

Due nuovi studi suggeriscono che ci possono essere grandi quantità di acqua fino a 620 miglia (1.000 chilometri) sotto la superficie. Senza questo enorme serbatoio di acqua, l'attività geodinamica che causa i vulcani, che sono importanti per la generazione del suolo e sostengono la vita sul pianeta, cesserebbe.

Nel primo studio, i ricercatori della Florida State University e dell'Università di Edimburgo hanno stimato che l'acqua esiste molto più in profondità nella Terra di quanto si pensasse, immagazzinata in un  minerale chiamato brucite.

Sebbene la quantità dell'acqua è sconosciuta, i ricercatori credono che potrebbe ammontare a 1,5 per cento del peso del pianeta - la stessa quantità di acqua come tutti gli oceani del mondo messi insieme.

In uno studio parallelo, ricercatori presso la Northwestern University in Illinois suggeriscono che questa acqua è molto più profondo di qualsiasi altra vista, a un terzo della strada dal margine del nucleo della Terra.

I ricercatori hanno scoperto un diamante, sputato fuori 90 milioni di anni fa da un vulcano vicino al fiume São Luíz in Juina, Brasile. Il diamante ebbe un'imperfezione contenente minerali che sono rimasti intrappolati durante la formazione del diamante. Quando i ricercatori lo hanno esaminato al microscopio hanno visto la prova della presenza di ione ossidrile, che normalmente proviene dall'acqua. Lo ione ossidrile può essere considerato come una molecola d'acqua a cui è stato sottratto un protone. 

La natura dell'imperfezione suggerisce che si è formata nella parte inferiore del mantello. Steve Jacobsen che ha guidato lo studio, parlando al New Scientist, ha detto: "Questa è la prova più profonda per il riciclaggio dell'acqua sul pianeta. Il ciclo dell'acqua sulla terra è più grande di quello che abbiamo mai pensato, che si estende in profondità del mantello."


Per saperne di più QUI su www.dailymail.co.uk