Antico Egitto: milioni di animali tra cui molti cani nelle catacombe di Saqqara


Nell'antico Egitto Anubis, il dio dalla testa di sciacallo che proteggeva le necropoli e il mondo dei morti, era molto importante. Da circa il 747-30 aC era così venerato che le catacombe vicino al suo tempio, una volta contenevano otto milioni di animali mummificati, soprattutto cani, dicono i ricercatori. Questo suggerisce che il culto degli dei animali a quel tempo,  è stato una parte importante dell'economia dell'antico Egitto, dice il rapporto.

Per secoli, i cani sono stati fedeli compagni degli esseri umani e in Egitto, sono serviti come ponte verso l'aldilà, con la speranza che potessero intercedere con il dio Anubis in favore del loro proprietario.

Il tempio e il passaggio sotterraneo sono stati costruiti a Saqqara, un luogo di sepoltura a Memphis, una delle capitali dell'antico Egitto.

A quanto pare, molti degli animali mummificati da allora si sono deteriorati o caduti preda di tombaroli che potrebbero aver utilizzato i resti come fertilizzante.

Per inciso, sul soffitto della catacomba è stato trovato il fossile di un vertebrato marino di 48 milioni di anni . Non è chiaro se gli Egiziani conoscevano quel fossile quando stavano costruendo la tomba per gli animali mummificati.

"Siamo molto soddisfatti e un po 'sorpreso dai risultati", ha detto il direttore del progetto Paul Nicholson del Cardiff University's School of History, Archaeology and Religion.  "Non ci aspettavamo che ci sarebbero così tanti animali, e si apre una nuova serie di domande."

Il tempio e catacombe, situato vicino a Saqqara, uno dei luoghi più storici e visitati di Egitto, risalgono al 4 ° secolo aC.

Sono stati trovati altri resti di animali mummificati, tra cui volpi, gatti, falchi e manguste, tori e babbuini. Ciò suggerisce come altri dei di animali sono stati adorati.

Nicholson ha detto che Saqqara una volta era una comunità vivace, con i commercianti che vendevano statue di bronzo di divinità, sacerdoti che svolgevano cerimonie e allevatori che tributavano cani e altri animali da mummificare in onore degli dei.

Immagine: www.upi.com