Se tu fossi molto ricco, come spenderesti i tuoi soldi ?

The pink Star

Se tu fossi molto ricco, come spenderesti i tuoi soldi ?


Ebbene, per la prima volta dal 2010, i ricchi hanno speso più denaro per l'arte che per il "vino di qualità", che ha superato lo scorso anno, secondo Knight Frank Luxury Investment Index, l'indice che classifica le performance degli investimenti di dieci classi di asset mediante il rilevamento del valore di ciascuna, dai diamanti ai francobolli.

Women of Algeri di Pablo Picasso
Ogni anno, la società di consulenza immobiliare globale Knight Frank e la società immobiliare Douglas Elliman  indagano su questa questione e compilano le risposte suThe Wealth Report, che è stato presentato a New York questa settimana.

Il rapporto mette in evidenza i modelli di spesa nel mondo delle persone con un patrimonio investibile di almeno 30 milioni di dollari  (High Net Worth Individual ) dalle proprietà che acquistano alle dimensioni dei loro yacht. E anche se non è una sorpresa che all'UHNWI piacciano le cose costose, il rapporto rivela alcuni dettagli inaspettati.

Un grande anno per l'arte

Il mercato dell'arte è stato particolarmente volatile nell'ultimo decennio. Mentre l'arte è stato l asset più popolare nel 2010, con un aumento del 25% nel corso dell'anno, nel 2009 è stato debole in generale a causa della recessione globale. Il 2007 (+ 48%) e il 2008 (+ 47%) sono stati i grandi anni", osserva Andrew Shirley, direttore di The Wealth Report e Knight Frank Luxury Investment Index .

Per quanto riguarda i tipi di arte in cui la gente investe, Shirley afferma che le opere cinesi sono molto popolari, così come una maggiore richiesta di arte africana. Egli indica la vendita record del dipinto del 1974 di Adetutu Ademiluyi, una principessa nigeriana, del pittore scultore nigeriano Ben Enwonwu.  Il lavoro, chiamato Tutu , è stato venduto per  1,2 milioni di euro  ($ 1,67 milioni) da Bonhams London.

Il più grande contributo alla conquista del valore artistico di quest'anno è stata la vendita di Salvator Mundi, di Leonardo da Vinci, per il quale un misterioso compratore dal Medio Oriente ha sborsato 450 milioni di dollari, superando il precedente record di 179 milioni di dollari della Women of Algeri di Pablo Picasso del 2015.   In seguito è stato rivelato che l'acquirente era  un principe saudita poco noto  (paywall), che ha acquistato il pezzo per conto del principe ereditario Mohammed Bin Sultan, noto per i suoi numerosi ninnoli (possiede uno yacht da 452 milioni di sterline e un castello francese leggermente meno costoso ). Il dipinto sarà conservato nel Louvre di Abu Dhabi.

L'altro importante contributore alla tendenza artistica è stato Untitled , dell'artista americano Jean-Michel Basquiat, che è stato venduto al collezionista giapponese Yusaku Maezawa per  110,5 milioni di dollari, l'opera più costosa venduta da un artista statunitense.

La gioia della proprieta
Il rapporto spiega in dettaglio il motivo per cui i ricchi comprano cose costose - oltre agli oggetti stessi - e scoprono che la "gioia di proprietà" è la motivazione numero uno, seguita da motivazioni più pratiche come l'apprezzamento del capitale, un rifugio sicuro per il capitale e gli investimenti diversificati del portafoglio.

Anche il settore immobiliare è un fattore importante per il picco del mercato dell'arte: "Esiste senza dubbio uno stretto rapporto tra case di lusso e arte", afferma Rupert des Forges di Knight Frank nella ricerca, osservando che i venditori usano l'arte per aumentare il valore complessivo di una proprietà.

Vino e automobili: l offerta migliore a lungo termine

Il vino è stato l'asset con le migliori performance nel 2016 con una crescita del 24% e si è piazzato al secondo posto nel 2017 con un aumento dell'11%, secondo i dati raccolti da Wine Owners. Il Wealth Report rileva che gran parte di questa domanda è trainata da acquirenti asiatici, con scarsità di varietà provenienti da regioni come la Borgogna il più forte dei venditori. Infatti gli acquirenti cinesi sono stati i maggiori investitori di alto lusso globale nel 2017, con un gioielliere di Hong Kong,  Chow Tai Fook che ha sborsato 71 milioni di dollari per un 59,6 carati del diamante rosa, chiamato The Pink Star.

Tratto da un articolo di Sangeeta Singh-Kurtz su  quartzy.qz.com

www.affaritaliani.it