La forza del tatuaggio


Da sempre il tatuaggio è stato impiegato presso moltissime culture, sia antiche, sia contemporanee, accompagnando l'uomo per gran parte della sua esistenza. Oggi, calciatori e artisti ne sono i più ricoperti al mondo.

Il nome tatuaggio lo si deve all'uomo che rese gloriosa la Marina Reale, che ha lasciato un patrimonio di conoscenze scientifiche e geografiche che avrebbe influenzato i suoi posteri: il capitano inglese James Cook, il quale approdando a Tahiti nel 1769 osservando e annotando le usanze della popolazione locale trascrive per la prima volta la parola Tattow (poi Tattoo), derivata dal termine "tau-tau", onomatopea che ricordava il rumore prodotto dal picchiettare del legno sull'ago per bucare la pelle. 

Ma la sua storia risale a circa 5000 anni fa e oggi, come afferma Dion Kaszas, artista del tatuaggio indigeno (non solo maori) " il processo di rianimare la sua pratica di tatuaggi Nlaka'pamux è stato un modo per ricordare, riprendere gli insegnamenti ispirati dai loro antenati e  recuperare quegli ideali culturali che pensava di aver perso...  un modo di guarire e reindigenizzarsi.

Difatti, attraverso il tatuaggio, Dion Kaszas  sta giocando un ruolo chiave nel mettere insieme il tessuto dell'identità indigena che la colonizzazione selvaggia mirava a distruggere. Questo ruolo è riconosciuto in Skindigenous, una serie di documentari di 13 parti che esplorano le tradizioni dei tatuaggi indigeni trasmessa su APTN TV. Presenti i tatuatori indigeni da luoghi di tutto il mondo tra cui Nuova Zelanda, Alaska, Indonesia, Filippine, Samoa e Canada.

Per millenni, afferma il sito web Skindigenous, gli umani hanno contrassegnato i loro corpi con immagini e simboli che danno forma visibile a ciò che ritengono sacro. "Oggi", prosegue il sito, "artisti indigeni in tutto il mondo continuano a praticare quest'arte antica usando le proprie tecniche e tradizioni. Per questi artisti, il tatuaggio è una parte essenziale della loro identità culturale, nonché un veicolo per connettersi con la natura, gli antenati e il mondo spirituale ".

Dion  Kasas al lavoro
La connessione di Dion  Kasas con i tatuaggi indigeni è stata risvegliata nel 2006 mentre si trovava nella sala d'aspetto di un negozio di tatuaggi. Ha raccolto un opuscolo dei primi anni del 1900 dall'antropologo James Teit, Tattooing and Face and Body Painting dei Thompson Indians. A quel tempo, non sapeva che il suo Nlaka'pamux First Nation 
(popolo indigeno del gruppo linguistico Salish  nel sud della British Columbia. Il loro territorio tradizionale comprende parti della regione North Cascades di Washington) aveva una tradizione di tatuaggi.

Molto è cambiato. Kasas si immerse nell'apprendere l'arte antica, affinando le sue abilità con le tradizionali tecniche a mano e a punto. Ha iniziato a lavorare alla sua tesi di master all'UBC Okanagan in Indigenous Studies  e presto difenderà la sua tesi, incentrata sul revival delle pratiche di tatuaggi delle popolazioni indigene. Ha ricevuto premi ed è ricercato e apprezzato per la sua conoscenza e abilità artistica. Lo scorso anno APTN gli ha chiesto di diventare consulente esperto della serie perché conosce tanti dei tatuatori culturali indigeni.

Il primo di questo mese Dion  Kasas ha perso il padre e per onorarne la memoria ha tatuato un'aquila, che amava tanto, sull'avambraccio di sua sorella opportunamente sopra un tatuaggio di montagna con una linea di terra al di sotto.  

QUI su Face Painting Magazine una serie di tatuaggi spettacolari.