I segreti sepolti del primo faro del mondo


Per 1600 anni, il Faro (Pharos ) di Alessandria è stato un fulcro di innovazione tecnologica e di commercio che ha attirato alcune delle più grandi menti del mondo. Si può  immaginare il sollievo di Cesare, Marco Antonio e molti leader di quei tempi mentre si recavano nell'affascinante e colta città - alcuni per cercare l'ispirazione, altri per ambizioni politiche - quando, dopo un viaggio faticoso e pieno d'insidie per il Mar Mediterraneo videro il Faro,  un faro di speranza e di luce
.
Per millenni, i fari hanno guidato la strada dei marinai in cerca di un segno di qualche luogo abitato per coloro che lottavano per sopravvivere nel grande mare. Sono stati una fonte di fascino per molti e hanno svolto un ruolo fondamentale nella vita di altri, e tutto per l'intuizione degli uomini che hanno inventato il primo faro, più di 2.000 anni fa.

Nel 280 aC, alcuni decenni dopo la morte di Alessandro Magno, fu costruito il primo faro ad Alessandria, in Egitto, guidando le navi nel porto, prima con i Greci, poi con i Romani, e infine con gli arabi, prima che un violento terremoto sprofondasse  la rivoluzionaria struttura - considerata una delle sette meraviglie del mondo antico - nel fondo del mare. Ma prima che scomparisse del tutto, sarebbe diventato il modello per ogni faro che, in seguito, sarebbe stato edificato.

Mentre Alessandro ha creato la grande metropoli, è il suo successore, Tolomeo I ( Ptolemy I ) ad avere il merito di aver messo in moto i piani per l'alta struttura sul punto di Pharos, che avrebbe segnalato le navi che si avvicinavano.

Come per tutti gli edifici del mondo antico, doveva essere un memoriale agli dèi e ai re, ma fu anche creata per servire uno scopo pratico. La costa egiziana era bassa e piatta: assai pericolosa per le navi in entrata con bassa visibilità. Avevano bisogno di un faro che avrebbe aiutato a guidare queste navi in modo sicuro all'entrata del porto.

La struttura è stata progettata dall'architetto greco Sostratus di Cnidus ed è stata completata due anni dopo che il figlio di Ptolemy, Ptolema II, diede inizio al suo regno.

Per creare questo gigantesco faro nel cielo, Sostratus disegnò un edificio composto da tre livelli: il primo e il più grande era un quadrato, il secondo un ottagono, e il terzo un cilindro da cui dipartiva una rampa a spirale che portava in cima dove i fuochi di segnale bruciavano giorno e notte.

Dai resoconti che sono stati tramandati attraverso i secoli, l'architettura del primo faro era stupenda. Le pareti di ciascun livello si inclinavano leggermente per guidare l'occhio al punto in cima, dove una statua gigantesca stava in trionfo (alcuni dicono che era del dio dell'acqua Poseidone, altri del dio del sole Helios). Ma fu la tecnologia che rese Pharos così influente.

Alla sommità della struttura alta 106 metri ( 350 piedi), (solo le piramidi di Gaza erano più alte in quel momento) c'era una stanza in cui un fuoco bruciava attorno all'orologio per illuminare la strada per miglia e miglia intorno (la leggenda narra che era visibile fino a 33 miglia di distanza...)

Di notte, la luce del fuoco guidava in sicurezza le navi nel porto, mentre durante il giorno il fumo emesso serviva come segnale. Questa struttura era così influente che il suo nome, Pharos dall'isola su cui era stato edificato, sarebbe stato adottato da diverse lingue romane come la parola ufficiale per "faro" e lo studio dei fari e delle loro luci di segnale sarebbe conosciuto come “pharology.”

I primi segnali con i fuochi furono accesi in un giorno importante attorno al 280 AC. Nei secoli a seguire il commercio marittimo continuava a crescere e le navi continuavano a trovare un porto sicuro, guidato dagli incendi che ardevano luminosi nella parte superiore del Pharos.

Le migliori menti del mondo studiavano presso la Biblioteca di Alessandria ed inventarono idee e tecnologie che continuano ancor oggi a influenzare il nostro mondo, mentre i commercianti scambiavano le merci in tutto il mondo in espansione.

Ma, come avviene inevitabilmente, il governo non era così stabile. Innanzitutto, i Romani assoggettarono la città, e poi gli arabi, che governarono a partire dal 640 a. Nonostante le turbolenze politiche, la luce del Pharo bruciava brillante e stabile. Ogni nuova classe di governanti utilizzò la preziosa creazione che avevano tra le mani e la usavano per mantenere le loro navi e la loro economia sicura e sana. 

Tuttavia, i Greci odiavano vedere una delle loro preziose invenzioni utilizzate per arricchire gli usurpatori. Secondo la leggenda, un particolare cortigiano greco ne aveva avuto abbastanza. Concepì allora un piano trasformandosi nel califfo arabo che gestiva Alessandria ed affermava di voler trasferirsi in città e convertirsi all'Islam.

Lentamente il falso califfo guadagnò la fiducia del nuovo governo e quando furono fermamente convinti che fosse dalla loro parte gli fu svelato un grande segreto, dicendogli che c'era un tesoro sepolto sotto il Pharos. "Neanche un califfo arabo poteva resistere al richiamo del tesoro e ordinò che la torre fosse abbattuta. Ma dopo che ne venisse demolita la metà scoprì che era stato ingannato ", venne scritto in un articolo del 1923 nel The New York Times. "Non fu mai più riportato alla sua gloria originale. E da quel momento un destino malvagio sembrava aleggiarvi sopra. "  

I governanti arabi cercarono di rinnovare il loro tesoro reale, ma il risultato non venne mai più raggiunto.

Mentre il Faro continuava il suo scopo come faro, fu infine costruita in cima alla struttura una moschea a cupola dove i fedeli potevano pregare "dove la vista del mare aperto ispirasse una profonda umiltà". Ma una serie di terremoti continuava a indebolire la struttura già fragile, e nel XIV secolo un grosso terremoto lo risucchiò. La torre si sbriciolò nel mare, dove rimase.

Durante i millenni dalla fine dell'età antica di Alessandria, le acque intorno alla città continuarono ad essere un tesoro di ricchezze d'arte, architettonica ed altri resti della città una volta gloriosa rimasero sepolti sul letto del mare.

"I pescatori e i sommozzatori hanno riportato notizie di altre scoperte: marmo, sarcofagi, monete romane e colonne in granito sepolte sotto le alghe e conchiglie nelle vicinanze", ha riferito Jay Walz nel The New York Times nel 1962.  Ma si trattava di reperti archeologici scoperti nelle vicinanze di dove il Faro una volta sovrastato sul porto che continuava ad eccitare gli storici.

Nel 1923, un ingegnere francese ha scoperto 30 lastre gigantesche che credeva fossero le colonne del Pharos. Nel 1962, uno subacqueo scoprì nella zona una statua, una sfinge e una colonna sepolta sul fondo marino. 

I più grandi reperti furono trovati nel 1994, quando l'archeologo francese Jean-Yves Empereur scoprì diversi giganteschi blocchi di muratura e statuarie che si credono appartessero al Pharos.

I resti dei Pharos non sono affatto i soli tesori della zona. Infatti, l'area è così ricca di reperti archeologici, che il governo egiziano ha proposto la creazione di un museo subacqueo che permetta ai visitatori di occuparsi di questi tesori, sepolti sul fondo marino, aiutandoli anche a preservarli dall'inquinamento.

Mentre il piano è stato in trattative per decenni, il governo egiziano lo ha ripresentato nel 2016.

"Questa zona è stata una delle aree più importanti al mondo per circa 1.000 anni", ha dichiarato a Smithsonian Magazine Mohamed Abd El-Maguid, responsabile del dipartimento delle attività subacquee presso il Ministero delle Antichità. "In cinque metri d'acqua, abbiamo i resti di palazzi e templi, ma nessuno può vederli con i propri occhi. Avere un museo come questo attirerebbe molti più turisti che aiuterebbero l'economia del Paese ".


Tradotto liberamente da un articolo di Allison Mcnearney da www.thedailybeast.com