La mitica San Jose, che trasportava oro e argento: il sogno dei cacciatori di tesori


La Colombia ha aperto l'offerta per gli investitori disposti a recuperare miliardi di dollari in oro e argento da una nave del XVIII secolo che si affaccia sulla costa caraibica del paese.

Il galeone spagnolo "San Jose" era la nave principale di una flotta che trasportava oro e argento,
probabilmente estratta dalle miniere coloniali spagnole in Perù e in Bolivia, e altri oggetti di valore che venivano portati al re Filippo V.

Il "San Jose" affondò nel giugno 1708 durante il combattimento con le navi da guerra britanniche che tentavano di prendere il suo carico, come parte della guerra di successione spagnola. Solo una piccola parte dell'equipaggio della nave composto di 600 uomini sopravvisse.

Il presidente Juan Manuel Santos vuole formare un partenariato pubblico-privato per recuperare gli elementi del naufragio e costruire un museo per i pezzi recuperati e un laboratorio per lo studio e la conservazione del materiale.

I parametri scientifici e legali per aderire al partenariato sono stati pubblicati venerdì in  una udienza nella città caraibica di Cartagena.

La Colombia non ha fissato un valore ufficiale al relitto, ma gli esperti nel 1980 hanno stimato che il tesoro ha un valore di circa 10 miliardi di dollari.

I cacciatori di tesori hanno cercato per lungo tempo la "San Jose", descritta come il Santo Graal dei naufragi.

Il governo afferma che non vi è alcun contenzioso pendente sullo sterminio o sul sacco del galeone, sebbene la Spagna insiste che il legittimo proprietario del "San Jose" è la Spagna. La Spagna ha basato in parte le sue argomentazioni sulla UN Law of the Sea (legge ONU del Mare), un trattato che la Colombia non ha mai firmato.

La società americana Sea Search Armada, la cui controllata ha affermato agli inizi degli anni '80 che aveva trovato il galeone,  è stata impegnata in una battaglia a lungo termine con il governo colombiano.

La scoperta tuttavia non è stata confermata, e nel 2011 un giudice statunitense ha deciso che il relitto era proprietà colombiana.

Un team di ricercatori colombiani e stranieri, tra cui un veterano del gruppo che ha scoperto il relitto del Titanic nel 1985, ha studiato i venti e le correnti nei Caraibi di 307 anni fa e ha scoperto archivi coloniali in Spagna e in Colombia in cerca di indizi.

La San Jose è stata a lungo fonte di fascino e leggende popolari, e figura persino nel romanzo di Gabriel Garcia Marquez  "L'amore al tempo del colera ".


Immagini: topsharesdaily.com - au.news.yahoo.com