I segreti profondi del mare di sotto


L'oceano ha profondi segreti. E 'un mondo vibrante come quello esterno. C'è un'ecologia unica che sfida la conoscenza comune e spesso lascia perplessi gli scienziati. Questo territorio a malapena esplorato si pensa possa contenere grandi quantità di metalli preziosi e minerali in grado di sostenere il mondo moderno per secoli. Quindi non è sorprendente che i paesi ora sono in competizione tra loro per rivendicare ciò che si trova nelle profondità marine.

L'esplorazione offre la prospettiva di trovare enormi quantità di risorse non sfruttate in precedenza. La possibilità di raccolta dei fondali marini per le forniture illimitate di minerali è conosciuta sin dal 1860. Il primo tentativo di estrazione, tuttavia, é avvenuto un secolo più tardi. Fino a oggi, solo il 5% del piano d'altura, il quale copre circa il 60% della superficie terrestre, è stato adeguatamente esplorato: la luce penetra solo gli strati superiori e le vastità oceaniche profonde sono nere come la pece, con temperature di pochi gradi al di sopra del punto di congelamento.

Ogni volta che viene esplorato da mini sommergibili ormeggiati a navi di superficie, forte luci selezionano fragili strutture e animali mai visti prima. Ora molti paesi stanno rivolgendo lo sguardo verso i suoi minerali, potenzialmente valori di miliardi di sterline. Ci sono notevoli giacimenti sparsi nella pianura degli abissi più profondi dell'oceano e incrostati su affioramenti rocciosi delle montagne sottomarine.  Il vasto archivio di minerali, tra cui il prezioso cobalto, zinco, manganese e REE (minerali delle terre rare) si è reso oggi necessario per produrre gli smartphone, i computer portatili e le auto ibride.

I contratti di estrazione per la ricerca dei fondali vengono assegnati dall'International Seabed Authority (ISA), un'organizzazione intergovernativa istituita dall' UNCLOS (UN Convention on the Law of the Sea)  per la regolamentazione dell'estrazione in acque profonde.

Sono almeno 20 i paesi che hanno svolto attività di esplorazione dal 2001. L'attività mineraria delle profondità marine è testimone di una veloce rinascita dopo una pausa di quasi 40 anni.

Con la nuova licenza, l'India può dar avvio alla ricerca di solfuri poli-metallici nell'Oceano Indiano, che sono ricchi di rame, zinco, oro e argento.  Ci sono stati notevoli progressi nella tecnologia necessaria per per scoprire, mappare ed estrarre i minerali, con apparecchiature robotiche costruite per operare a grandi profondità. Ci sono anche sfiati e fessure idrotermali attive ed estinte nella superficie del pianeta da cui sgorga l'acqua calda.  Rame, nichel e cobalto possono essere trovati a concentrazioni elevate, depositi di minerali, come i cosiddetti "metalli critici" i quali includono gli elementi di terre rare utilizzati in una serie di nuove tecnologie quali chip di memoria, LED e batterie per veicoli elettrici.

Si pensa che le montagne del Pacifico da sole potrebbe contenere circa 22 volte più tellurio ( utilizzato nei pannelli solari) che le riserve terrestri conosciute dell'elemento. Allo stato attuale, non v'è lo sfruttamento delle risorse minerarie nelle profondità marine ma solo l'esplorazione. Tuttavia, la prospettiva di una corsa verso il fondo dell'oceano ha allarmato gli scienziati.

Il motivo è che il profondo dei mari non è un deserto marino come il pensiero. Proprio come l'ambiente terrestre, gli oceani sono di fronte al conflitto tra sviluppo e sovrasfruttamento dell'ambiente; rifiuti industriali e detriti di plastica sono solo alcuni dei fattori della sofferenza... E l'estrazione in questo mondo sconosciuto implica conseguenze che non sono ipotizzabili...

#maredisotto

Fonte: from FE Bureau - www.financialexpress.com

Immagine: www.lolwot.com