Messico: una chiesa del 600 riemersa dalle acque prosciugate


I fiumi impetuosi del sud-est del Messico nascondono un prezioso tesoro. 

A causa delle scarse precipitazioni che hanno provocato una lunga siccità, è riemersa una chiesa del 16 ° secolo costruita dai frati domenicani nella regione Quechula, che oggi è lo stato del Chiapas.

Il bacino imbrifero del fiume Grijalva, quest'anno è stato colpito dalla siccità che ha causato la diminuzione di 82 piedi (25 metri) del livello dell'acqua nel serbatoio di Nezahualcoyotl, fino a far emergere dalle acque basse del fiume una chiesa del periodo coloniale.

La siccità nel corso d'acqua lungo 600 chilometri ha avuto un impatto maggiore nel mese di maggio a seguito dell'intrusione della fase attuale del ciclo meteorologico El Nino, che ha annullato le precipitazioni della metà in questo lussureggiante area verde abituata a tempeste tropicali torrenziali.

La Chiesa Quechula è lunga 61 metri e fu costruita nella metà del 16 ° secolo da un gruppo di monaci (guidati da Frate Bartolomé de la Casas) nella regione Quechula, precedentemente abitata dal popolo Zoque, si era persa nelle acque del bacino Nezahualcoyotl nel 1966, quando venne completata la diga di Malpaso sul fiume Grijalva. Quattro dighe dipendono dal fiume Grijalva, tra cui Malpaso Dam, che serve un'importante centrale idroelettrica che fornisce energia per diversi stati del sud-est.

Carlos Navarrete, un architetto che ha scritto una relazione sui resti della chiesa per il governo messicano, dice che l'edificio fu abbandonato tra il 1773 e il 1776 dopo una serie di piaghe che colpì le comunità della regione.

Video su Youtube QUI

Fonte notizia ed immagine: elpais.com