Primo avvistamento, forse, d'una balena azzurra nelle acque inglesi


La più grande balena al mondo è stata avvistata a 250 miglia al largo della costa della Cornovaglia in quello che potrebbe essere il primo avvistamento di una balena azzurra in acque inglesi.

Una spedizione scientifica é riuscita a catturare filmati del mammifero, e hanno stimato che era due volte più a lungo di un autobus a due piani.

Il raro avvistamento del più grande animale del mondo ha sbalordito e deliziato biologi marini in egual misura.

Il professor Russell Wynn, del National Oceanography Centre (NOC), che ha fatto le fotografie a bordo del RSS James Cook, una nave di ricerca del British Royal, ha detto: " Stavamo facendo il nostro quotidiano sondaggio di mammiferi marini e guardavamo almeno 7 balenotteri intorno alla nave, quando, improvvisamente a circa un chilometro di distanza, è emerso la balena blu.  Ho avuto giusto il tempo di fissare  alcune foto conclusive, prima che diminuisse la visibilità per poi vedere il grande mammifero scomparire nel buio."

"C'è stato enorme eccitazione a bordo, il maggior numero di persone ha visto per la prima volta una balenottera azzurra, ma solo più tardi ci siamo resi conto che questo avvistamento, probabilmente, é il primo ad essere fotografato nelle acque inglesi. " ha detto il Dr Veerle Huvenne, membro del personale del NOC e capo scientifico per cinque settimane della spedizione del CODEMAP2015 .

La balenottera azzurra è stata cacciata fino a quasi l'estinzione nella regione nordorientale nei primi anni del 20 ° secolo, ma alcuni recenti avvistamenti in tutto il Golfo di Biscaglia stanno ad indicare che la popolazione sta lentamente iniziando a recuperare e spostarsi in nuove aree.

Le balene azzurre erano abbondanti in quasi tutti gli oceani della Terra, fino agli inizi del XX secolo, quando i cacciatori ne hanno macellate a migliaia per il loro grasso, olio e carne.

Un rapporto del 2002 stimava che il numero di balene azzurre era cresciuto tra le 5000 e le 12.000 in tutto il mondo.

Ma gli ambientalisti sottolineano che, nonostante il divieto di caccia alle balene, si deve ancora affrontare la minaccia dalle attività umane, tra cui l'inquinamento marino e collusioni con navi e petroliere.

Sarah Goddard, responsabile delle politiche specie per il World Wildlife Fund, ha dichiarato: "E 'emozionante vedere una balena blu così vicino alla costa inglese e speriamo loro numeri sono in crescita da quando la moratoria caccia alle balene è stata approvata. Ma tutte le balene devono ancora affrontare una minaccia da altre attività umane e dobbiamo gestire i nostri mari meglio ridurre questa minaccia ".