Ecuador: si è svegliato il vulcano Cotopaxi

Il presidente dell'Ecuador Rafael Correa ha dichiarato lo stato di emergenza perché sta aumentando l'attività del vulcano Cotopaxi, vicino alla capitale Quito. Per precauzione, sinora sono state evacuate qualche centinaio di persone.

Il decreto conferisce alle autorità una maggiore flessibilità nell'utilizzo dei fondi del governo per affrontare eventuali problemi.

L'eruzione cominciata venerdì ha buttato fuori cenere per più di 2 miglia (5 chilometri) verso il cielo, spargendo polvere fine grigia sopra le strade, le case e le automobili nella regione entro circa 30 miglia (50 chilometri) a nord.

Il Cotopaxi ((5.987 metri) è considerato uno dei vulcani più pericolosi del mondo, a causa di una copertura glaciale che lo rende incline al rapido movimento di colate vulcaniche di roccia e di fango.

Le autorità hanno limitato l'accesso al parco che circonda gli alpinisti vulcano e sbarrate da scalare la vetta innevata.

L'ultima eruzione del vulcano Cotopaxi si ebbe nel 1877 e fu spaventosa.