Il tesoro del Titanic del mondo antico

Un team internazionale di archeologi ha recuperato un antico tesoro di 2.000 anni proveniente da un relitto sul fondo del mare Egeo.

La nave affondata è stata trovata al largo dell'isola di Antikythera più di un secolo fa, da subacquei portati fuori rotta da una tempesta.

All'inizio di questo autunno, utilizzando apparecchiature di avanguardia scafandri semi-robotici i subacquei sono scesi a 55 metri sotto il livello del mare, dove hanno recuperato antiche stoviglie, componenti navali, e una lunga lancia di bronzo di due metri, probabilmente apparteneva ad una statua di guerriero a grandezza naturale, tutti risalenti tra il 60 aC e il 70 aC. 

"L'evidenza mostra che questo è il più grande naufragio antico mai scoperto", ha detto l'archeologo marino Brendan Foley del Woods Hole Oceanographic Institute in un comunicato, definendo il relitto "il Titanic del mondo antico." 

Questa non è la prima volta che il relitto ha dato tesori. In una spedizione, dopo che era stato scoperto nel 1900, ha visto subacquei recuperare sorprendenti statue di bronzo e marmo, gioielli in oro, mobili, cristalleria di lusso, e il meccanismo di Antikythera (un orologio calcolatore astronomico.) Nel 1901, i subacquei hanno anche scoperto quattro cavalli di marmo giganti. 

Le spedizioni sono terminate dopo la morte da malattia di decompressione di un sommozzatore e di altri due rimasti paralizzati.

Il lavoro per tentare di recuperare altri reperti e/o tesori è ripreso a metà settembre. 

I ricercatori hanno creato una mappa 3D ad alta risoluzione del sito, utilizzando telecamere montate su un veicolo subacqueo autonomo. 

I reperti, sono "molto promettenti", ha detto Theotochis Theodolou, della Hellenic Ephorate of Underwater Antiquities, partner della spedizione. 
"Abbiamo un sacco di lavoro da fare in questo sito per scoprire i suoi segreti", ha detto Theodolou. 

In questo recente scavo sono state trovati una meravigliosa brocca da tavolo intatta, una gamba di letto ornata, più ancore di piombo di oltre un metro, e un anello in bronzo con frammenti di legno ancora attaccati. I ricercatori pensano che la nave stessa possa essere conservata sotto il fondo del mare.

Dal 1900 nello scavo alcuni team hanno trovato antichità, ma nessuno dei precedenti scavi ha utilizzato la tecnologia dei giorni nostri, uno scafandro hi-tech per calarsi in sicurezza fino a 305 metri di profondità e rimanere sott'acqua per tre ore al giorno. 

Gli archeologi stanno progettando di tornare il prossimo anno per un altro scavo.

Fonte e immagine: www.ctvnews.ca