La Giornata internazionale dei popoli indigeni ci deve fare riflettere

In occasione della  International Day of the World's Indigenous Peoples (Giornata internazionale dei Popoli Indigeni nel mondo), tenutasi ieri,  il segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon ha detto che i popoli indigeni hanno un interesse centrale per lo sviluppo e possono agire come "potenti agenti di progresso."

 "Per consentire loro di contribuire al nostro futuro comune, dobbiamo garantire loro diritti. Dobbiamo riconoscere e celebrare le preziose identità dei popoli indigeni in giro il mondo. Dobbiamo lavorare ancora di più per consentire loro a sostenere le loro aspirazioni. "

La Giornata internazionale dei popoli indigeni del mondo viene commemorata ogni anno il 9 agosto: la prima riunione del gruppo di lavoro delle Nazioni Unite sulle popolazioni indigene, si è tenuta a Ginevra nel 1982.

"Le ingiustizie storiche hanno troppo spesso comportato l'esclusione e la povertà", ha detto Ban Ki-moon, aggiungendo che le strutture di potere continuano a creare ostacoli al diritto dei popoli indigeni all'autodeterminazione. 

La Giornata internazionale dei popoli indigeni del mondo è un evento di sensibilizzazione delle Nazioni Unite. Essa ha lo scopo di promuovere e proteggere i diritti delle popolazioni indigene e riconoscere i successi e contributi che i popoli indigeni fanno per migliorare i problemi del mondo. 

Ci sono circa 370 milioni di persone indigene in circa 90 paesi in tutto il mondo, che costituiscono il 15 per cento dei poveri del mondo e circa un terzo dei 900 milioni di estremamente poveri delle aree rurali di tutto il mondo. Praticare delle tradizioni uniche, mantengono le caratteristiche sociali, culturali, economiche e politiche che sono distinte da quelle delle società dominanti in cui vivono. 

Ieri a un evento presso la sede delle Nazioni Unite a New York per dare il via alla commemorazione dell'International Day, il Presidente dell'Assemblea Generale, John Ashe, ha detto che con il Secondo Decennio Internazionale dei Popoli Indigeni del Mondo che sta per finire, le celebrazioni nella Conferenza mondiale che si terrà a settembre porta con sé un significato particolare. "L'emarginazione storica dei popoli indigeni è ancora una triste realtà nel mondo di oggi e in molti luoghi, ostacoli scoraggianti sono una parte della vita quotidiana", ha detto Ashe in una dichiarazione.

Tutti dovrebbero essere in grado di accettare che le comunità indigene debbano essere in grado di decidere il proprio futuro. Ma per qualche motivo questa libertà di scelta è normalmente ignorata per loro. I loro mezzi di sussistenza e le loro stesse vite sono a rischio ogni giorno. Le minacce comuni derivano da quelle società straniere che fanno dei luoghi di origine degli indigeni luoghi appetitosi ove poter estrarre le risorse. 

Degli indigeni si parla in termini dispregiativi, come popoli tribali o più comunemente, primitivi. Questo ha portato al razzismo radicato, a crimini d'odio, omicidio, e genocidi, ancora in corso oggi. 

Tutto ciò accade perché la nostra società è basata sulla estrazione delle risorse. C'è domanda di legno, carne, grano, soia, olio di palma, minerali, petrolio, gas, droga... E per essere in grado di soddisfare tali richieste ci si spinge a invadere e prendere le terre dei popoli indigeni.

Noi che ci definiamo gente civile
stiamo in pratica distruggendo le vite di queste minoranze, impadronendoci con la forza e l'odio di tutte quelle risorse che ci permettono di vivere sempre più agiatamente.

Dio ci ha dato il pianeta Terra in amministrazione controllata, e noi lo stiamo distruggendo ogni giorno: oceani pieni di plastica, acidificazione delle acque e moria di pesci in continuo aumento (tra qualche tempo non avremo più neanche pesce da mangiare o costerà talmente tanto che soltanto i ricchi potranno cibarsene) , disboscamento senza freni (il che toglie al pianeta e quindi a noi che lo abitiamo la possibilità di respirare), combustibili fossili che invece di diminuire, con l'avvento dei grandi Paesi come Cina, India, Indonesia che vogliono imitare la nostra sregolata vita occidentale senza farsi mancare niente... sono in aumento (e questo porta a un caldo sempre più opprimente che ormai è difficile da controllare)...

Oh Uomo, uomo cosa stai combinando? Stai distruggendo tutto con la tua avidità di avere tutto. Non preoccuparti però, c'è sempre un secchione della spazzatura sotto casa tua pronto ad accoglierti quando tu stesso diventerai tale.


Post scritto da Luciano Vecchi

Leggi pure