Violenze su bambini e ragazze nelle scuole della medioevale India

Violenze e soprusi su giovani e bambini nelle scuole, un po' ovunque nel mondo.

La ragazza è stata costretta a rimuovere i suoi vestiti da una insegnante donna in una scuola nel nord-ovest di Delhi dopo essere stata accusata di aver rubato soldi e un telefono cellulare ad un compagno di classe.

Tornata a casa dopo la scuola si è buttata giù dal balcone del quarto piano di casa sua. I suoi parenti hanno detto che era stata sconvolta dalla sua umiliazione pubblica.

Il suo caso è emerso in mezzo ad una serie di rapporti di attacchi brutali su bambini da parte degli insegnanti in tutta l'India. Un bambino di quattro anni è stato costretto a bere la propria urina dalla sua maestra d'asilo in Andhra Pradesh per punirlo di essersi bagnato da solo.

Un bambino di cinque anni nello stesso stato è stato picchiato da un preside di una scuola di grammatica, mentre una ragazza di sette anni è stata picchiato dal suo insegnante di matematica per non aver risoltoe un problema.  Un insegnante è stato arrestato nel Madhya Pradesh per aver scotennato parzialmente una bambina di otto anni.

Colin Gonsolves, direttore dell'India Human Rights Law Network, ha detto che benchè le punizioni corporali nelle scuole sono illegali, resta una pratica diffusa.

"In pratica stiamo ancora battendo i nostri figli nelle nostre scuole che non comprende solo picchiare il bambino. Abbiamo assistito a casi di abuso sessuale, molestie mentali e traumi psicologici a lungo termine di molti bambini. Per quanto riguarda il sistema scolastico stiamo ancora vivendo nel Medioevo e agiamo come una società incivile ", ha detto.

Il problema continua, ha detto, perché molti genitori e poliziotti non ritengono sbagliato per un insegnante di picchiare un bambino. "pensano che lo si fa per migliorarlo." ha detto.

Fonte e immagine: www.telegraph.co.uk