Bulgaria: rivelata la verità sui vampiri ?




Se pensavate che i vampiri erano semplicemente roba di mito e leggenda, con quanto è stato rinvenuto in Bulgaria, forse è il caso di ricrederci.

Degli archeologi in Bulgaria hanno portato alla luce due scheletri del Medioevo trafitti al petto con barre di ferro per impedire loro di trasformarsi in zombi.

Essi sono gli ultimi di una successione di reperti in tutta l'Europa occidentale e centrale, che gettano nuova luce su quanto seriamente la gente ha preso la minaccia dei vampiri e come tali credenze si trasformano in un mito moderno.

Due scheletri, che si ritiene essere di circa 800 anni fa, sono stati scoperti durante uno scavo archeologico nei pressi di un monastero nella città  bulgara di Sozopol, sul Mar Nero.

Il capo del Museo Nazionale di Storia bulgaro Bozhidar Dimitrov ha detto: "Questi due scheletri accoltellati con delle aste illustrano una pratica che era comune in alcuni villaggi bulgari fino al primo decennio del XX secolo".


Secondo le credenze pagane, le persone che erano considerati cattive durante la loro vita avrebbero potuto trasformarsi in vampiri dopo la morte a meno che non venissero trafitte al petto con una sbarra di ferro o di legno prima di essere sepolte.

La gente credeva che l'asta che sarebbe stata fissata a loro nelle tombe avrebbe impedito loro di uscire a mezzanotte e terrorizzare i vivi, ha spiegato lo storico.

Secondo il sig Dimitrov sono oltre 100 le persone sepolte scoperte in tutta la Bulgaria nel corso degli anni, i cui cadaveri sono stati accoltellati per impedire loro di diventare vampiri.

Ha poi aggiunto: "non so perché una scoperta ordinaria come questa è diventata così popolare. Forse a causa della misteriosità della parola vampiro".

"Queste persone sono state ritenute malvagie mentre erano vive e si credeva che sarebbero diventate vampiri una volta morte, continuando a tormentare la gente. Spesso queste persone erano aristocratici ed ecclesiastici."

La cosa curiosa è che non ci sono donne tra di loro. Esse non avevano paura delle streghe.

Tuttavia il mese scorso dei ricercatori italiani hanno scoperto quello che si ritiene essere i resti di una donna 'vampiro' a Venezia - sepolta con un mattone incastrato tra le sue  mascelle per evitare che trasmettesse alle sue vittime una pestilenza che spazzò la città nel XVI secolo. 

Matteo Borrini, un antropologo dall'Università di Firenze, ha detto che la scoperta sulla piccola isola del  Nuovo Lazzaretto della laguna di Venezia ha supportato la credenza medievale che i vampiri erano dietro la diffusione delle piaghe come la morte nera.

Lo scheletro è stato portato alla luce in una fossa comune della peste veneziana del 1576 - in cui l'artista Tiziano morì - nel Nuovo Lazzaretto, che si trova a circa due miglia a nord-est di Venezia ed era utilizzato come un sanitorium per i malati di peste.

Borrini ha detto: "questa è la prima volta che l'archeologia è riuscita a ricostruire il rituale dell'esorcismo di un vampiro".

Immagini: whatsonxiamen.com